Una mamma tutta muscoli

Si chiama Lorna Biggam, è scozzese e la sua passione per il bodybuilding non è stata fermata nemmeno dalla gravidanza, durante la quale ha continuato a sollevare carichi da 100 kg.

2C4C5CC300000578-3233773-image-a-58_1442228131738È alta appena un metro e 50, ma pesa ben 75 kg. Grassa? No, anzi: tutta muscoli. E poco importa che abbia ormai compiuto 40 anni e partorito 4 figli. Per Lorna Biggam, questo il nome della donna di cui stiamo parlando, il bodybuilding è una ragione di vita. Che non può fermarsi nemmeno durante una gravidanza.

2C4C59C700000578-3233773-image-a-73_1442228607155SEMPRE DI PIÙ
Anche se i medici le avevano sconsigliato di proseguire il suo allenamento da 6 ore di sollevamento pesi a settimana, lei non ha voluto sentire ragioni, e ha continuato a fare sollevamenti da 100 kg fino al nono mese. Poi ha partorito, e dieci mesi dopo il cesareo si è qualificata per le finali del campionato nazionale di bodybuilding britannico. Perché con il bodybuilding funziona così, spiega al Daily Mail: «Cerchi sempre di diventare più grossa e migliore dopo ogni competizione. Non mi sento mai grossa abbastanza, così mi sento sempre in gara con me stessa per migliorare».

2C4C598A00000578-3233773-image-a-86_1442228807310GIORNATA PIENA
Ma, forse, la cosa più incredibile è che oltre a essere una bodybuilder, Lorna trova il tempo per crescere i suoi quattro figli e lavorare a tempo pieno come vigile del fuoco. Questo presuppone un rigido programma quotidiano. La sveglia è alle 5 e mezza del mattino. Fino alle sei e mezza, Lorna si dedica agli esercizi. Poi arriva l’ora di dare la sveglia ai figli e portarli a scuola. Quindi durante la giornata lava i panni, dà da mangiare al piccolo di casa, cambia i pannolini, fa la vigile del fuoco e, nel mezzo, altro sollevamento pesi. Per non parlare dei tanti pasti che deve preparare per la famiglia, in particolare per il marito Steve, anch’egli bodybuilder. Lorna, dal suo canto, consuma ben 4mila calorie al giorno, tra pollo, bistecche e altri pasti iperproteici.

NON È UNO SPORT PER SOLI UOMINI
I figli di Lorna amano la loro mamma e la vedono come un modello. Lo stesso non si può dire per gli altri bambini, visto che spesso, intimoriti dall’enorme silhouette della donna, cercano la mano della propria mamma a cui aggrapparsi, cosa che diverte molto Lorna. La bodybuilder scozzese, d’altronde, è ben più che orgogliosa della sua forma fisica e vuole far passare il concetto che il bodybuilding è adatto tanto alle donne quanto agli uomini. A cui lancia una sfida: «Provate a passare un pomeriggio in palestra con me».

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Corpo, Fitness indoor Argomenti: , , , , Data: 15-09-2015 12:17 PM


Lascia un Commento

*