Benessere

Dopo le feste, tutte in linea

di Stefania Maroni
Calorie sotto controllo, jogging e creme. Per smaltire i chili di troppo tra Natale e Capodanno.

Tra La vigilia di Natale e Capodanno è stato un continuo susseguirsi di cene, cenoni e brindisi con gli amici. Tutte occasioni in cui risulta quasi impossibile resistere alla tentazione di una fetta di panettone in più e dire no alla seconda, magari anche alla terza, coppa di spumante. E poi, si sa, sulle tavole natalizie le gourmandise si sprecano e assaggiarle è d’obbligo. Dimenticando che troppi peccati di gola, inevitabilmente, lasciano il segno. Nessuna meraviglia, quindi, se all’inizio del nuovo anno ci si ritrova con la linea appesantita. Non è il caso, però, di lasciarsi prendere dallo sconforto. Se ai chili superflui non si dà il tempo di sedimentare, infatti, si possono perdere a tempo di record.

Durante le feste natalizie si tende a esagerare con dolci e spumante.

Durante le feste natalizie si tende a esagerare con dolci e spumante.

A TAVOLA, DA SPERIMENTARE L’INTUITIVE EATING
Anzitutto è necessario rivedere le abitudini alimentari. Per esempio, come suggeriscono le nutrizioniste americane Evelyn Tribole ed Elyse Resch, creatrici dell’Intuitive eating. Non si tratta di un regime dimagrante vero e proprio, ma di un insieme di regole che permettono di perdere peso senza troppi sacrifici. Per ottenere buoni risultati, basta attenersi a quelle di base.

POCHE REGOLE, MA SENZA ECCEZIONI
La prima: smettere di mangiare non appena si placa la fame, ma ancora non si avverte il completo senso di sazietà, che compare solo quando inizia il processo digestivo, cioè dopo almeno 15 minuti dal termine del pasto. La seconda: mai arrivare a pranzo o a cena affamati perché si tende a rimpinzarsi di cibo. Un consiglio: concedetevi un aperitivo a base di succo di pomodoro, accompagnato da carote e gambi di sedano. La terza: ogni boccone va masticato a lungo, almeno 40 volte (se ridotti in poltiglia, gli alimenti riempiono di più). Naturalmente, sarebbe bene anche ridurre al minimo i carboidrati e le carni, eliminare formaggi,  zuccheri e vino. Via libera, invece, a frutta e verdura che, grazie al loro alto contenuto di acqua e fibre, combattono la ritenzione idrica, regolano il transito intestinale e saziano.

INTEGRATORI E ATTIVITÀ FISICA
Detti anche complementi alimentari, gli integratori possono aiutare a rimettersi in linea ma non vanno presi alla leggera. «Possono avere controindicazioni, in particolare quelli in cui è presente lo iodio, che influisce sul funzionamento della tiroide», ha precisato il dottor Vittorio Piccini, internista. «Prima di assumerli, quindi, è consigliabile consultare il medico di famiglia». In ogni caso, per essere efficaci, vanno associati a un’adeguata attività fisica. Ideale il footing: basta mezz’ora al giorno di corsa moderata alternata a un’andatura a passo sostenuto per bruciare dalle 400 alle 500 calorie, che non sono poco.

UN VALIDO AIUTO DALLA COSMETICA
Se usate con costanza, le creme snellenti possono dare ottimi risultati, soprattutto se applicate con le modalità suggerite da Linda Rinaldi, estetista presso il beauty center CDM di Milano: «Il primo step prevede uno scrub, da effettuare sulle parti interessate a giorni alterni, per eliminare le cellule morte e rendere la pelle più ricettiva. Poi, mattina e sera, si stende uno strato di crema snellente, favorendone l’assorbimento con un massaggio a impasto. Dopo almeno una delle due applicazioni, è consigliabile avvolgere la zona trattata in un foglio di pellicola trasparente. L’impacco va lasciato in posa per mezz’ora. Questo semplice accorgimento permette alla pelle di assorbire al massimo i principi attivi contenuti nella crema».

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Corpo Argomenti: , , Data: 04-01-2015 10:30 AM


Lascia un Commento

*