USA

Lunch roulette, il social sbarca in azienda

di Francesca D'Elia
Una nuova app aiuta le relazioni tra colleghi. Complice la pausa pranzo.
Lunch Roulette. Negli Usa arriva Lunch Roulette, il nuovo social per le aziende.

Lunch Roulette. Negli Usa arriva Lunch Roulette, il nuovo social per le aziende.

A lavoro si spende la maggior parte della nostra giornata, ovviamente se non si è precari o in casa integrazione è d’obblico aggiungere oggi. Dal mattino alla sera condividiamo interessi, progetti e impegni con colleghi con cui è importante stringere relazioni non solo a fini professionali, ma anche per il nostro benessere psicofisico. Creare un ambiente di lavoro sereno ci garantisce, infatti, di vivere la quotidianità con maggiore serenità, e allontanare stress e ansie che alla lunga potrebbero essere nocive per la salute.
LUNCH NOT ONLY FOR BUSINESS
È utile, dunque, trovare momenti di distensione in cui poter conoscere meglio le persone che fanno parte della nostra azienda per fare conversazione e trovare nuovi stimoli in allegria. E quale momento è più indicato della pausa pranzo? Della stessa idea è David Thompson, scienziato e oggi social media strategist, presso la Boehringer Ingelhein, una compagnia farmaceutica tedesca con sedi sparse in tutto il mondo, che dopo un lunch in solitaria in una caffetteria di New York, a pochi passi dall’ufficio, ha avuto l’idea di creare un social network aziendale in grado di riunire tutti i colleghi durante la pausa pranzo.
SOCIAL NETWORK AZIENDALE
Thompson racconta di aver pensato che «sarebbe stato divertente costruire un’applicazione che permettesse a perfetti sconosciuti di condividere un pasto. Un modo per allargare il proprio giro di conoscenze nell’azienda e avere una conversazione con qualcuno al di fuori del proprio dipartimento». E così, dopo il caffè, quel giorno, lo scienziato ha coinvolto l’amico e collega Christopher Tan, mobile app developer, e in 36 ore, hanno realizzato e lanciato insieme Lunch Roulette, un vero e proprio social network aziendale.
CREARE CONNESSIONI
Per lo scienziato l’importante era «creare delle connessioni» perché «spendiamo la nostra intera giornata in azienda interagendo solo con le persone seduti accanto alla nostra scrivania, senza sapere che faccia hanno quelli dell’ufficio accanto». Dopo appena sette settimane dalla start up del programma, 350 persone si erano iscritte al programma e oggi l’80% degli assunti nella sede newyorkese usa il social network. Anche il CEO dell’azienda è stato piacevolmento affascinato dall’idea, partecipando in prima persona, tanto da essere tra i primi a pranzare con un giovane impiegato del dipartimento marketing.
MATCH CASUALE
Il funzionamento di Lunch Roulette è semplice e immediato: i partecipanti si iscrivo e scelgono la data e il bar o ristorante dove voglio andare a mangiare. Poi cliccano su ‘Match me’ e il sistema in automatico connette le persone che hanno dato medesima disponibilità di giorno e luogo. Il match è casuale e chi partecipa non sa con chi siederà allo stesso tavola almeno per un’ora. E c’è di più. Se si ha poco tempo a disposizione, nessun problema: esiste l’opzione virtual lunch, con la possibilità di condividere il lunch con un collega attraverso una video chat.
EFFETTI BENEFICI
E questi incontri, pare, abbiano effetti benefici: scambiare idee e progetti con nuove conoscenze aiuterebbe ad affrontare il proprio lavoro con una rinnovata energia e vivacità. «Questi scambi migliorano la prestazione e il rendimento lavorativo e aumentano la creatività e la concentrazione», sottolinea, infatti, Thompson. Il progetto è già stato esportato in divese aziende in tutto il mondo, tra cui Germania, Messico, Australia e Canada. Perché la nuova moda è sì il social, ma only for ‘professional’.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Mente&Psico, Relazioni Argomenti: , , , Data: 28-06-2013 12:31 PM


Lascia un Commento

*