PUNTO DI FUGA

In vacanza gratis. Ma solo se sei donna

di Simona Peverelli
Quando il budget è limitato, viaggiare a costo zero si può. Grazie al lavoro alla pari. In Italia e all’estero.
Viaggiare anche per capitali straniere gratis è possibile se si organizza uno scambio alla pari.

Viaggiare all’estero gratis è possibile se si organizza uno scambio alla pari.

Andare in vacanza, il desiderio di tutte, soprattutto dopo un inverso faticoso, non solo meterologicamente parlando. Ognuna di noi avrebbe voglia di staccare un po’, almeno per un fine settimana. Sì, ma i tempi non sono esattamente prosperi, per cui più di tanto non possiamo permetterci. Un week end a costo zero sarebbe l’ideale, impossibile? No, viaggiare gratis è possibile, ma solo per le donne.
UNO SCAMBIO EQUO
Lavare i piatti, raccogliere agrumi, lavorare in giardino, o fare la babysitter. Basta una di queste cose e in cambio si ottiene un soggiorno gratis in hotel, b&b, o agriturismo. Per una vacanza diversa, e soprattutto a basso budget, basta trasformarsi in lavoratrici alla pari, così, in cambio di un aiuto a una struttura alberghiera o a una famiglia, riceverete alloggio (e in alcuni casi anche vitto) senza spendere un euro. Mettetici che nel tempo che rimane potrete godere dell’ozio, della buona tavola o visitare i dintorni, e la vacanza è fatta.
LAVAPIATTI E GIARDINIERE
Se amate sentire il rumore del mare, impostate il navigatore sul Parco Naturale di Portofino. Qui all’agriturismo Molini potrete dormire (in tenda) e mangiare tra ulivi e castagni in cambio di cinque ore di lavoro al giorno, per lavare i piatti della colazione e della cena. Se invece preferite l’aria di montagna, nei boschi di Carrega, Parma, il bed & breakfast Il richiamo del bosco vi ospiterà, a patto che aiutiate i proprietari a sistemare la legna da ardere nella caldaia in inverno.
BABYSITTER IN GIRO PER IL MONDO
Se avete meno di trent’anni, amate i bambini e volete testarvi in veste di mamme, in cambio di qualche ora di babysitting, potrete raggiungere quella capitale europea che avreste sempre voluto visitare. Sono tanti i portali che si dedicano a questo tipo di attività, ma in questo caso dovreste avere a disposizione almeno un mese. Le associazioni indicano la famiglia straniera che vi ospiterà, e per la quale dovrete accudire i bambini e svolgere alcuni lavori domestici in cambio di un letto e, in alcuni casi, di una piccola retribuzione settimanale. La maggior parte delle volte, poi, è anche previsto un corso di lingua. Basta digitare ‘lavoro alla pari’ su un motore di ricerca, e le porte vi si spalancheranno.
CONTADINA PER QUALCHE ORA
Se vi piace la campagna, potete scegliere la vostra meta cercando una delle fattorie biologiche o piccole aziende agricole che, in cambio di un aiuto, offrono ospitalità. Una di queste si chiama WWOOF, e permette di mettere in contatto le persone che vogliono fare volontariato con coloro che sono in cerca di braccia volenterose. Se siete donne del Sud, invece, potreste fare un salto in Puglia. Un tempo si diceva ‘Ora et labora’ (prega e lavora), ora il motto è ‘Lavora e Degusta’, come nel Gargano, dove il Pizzicato Eco Bed&Breakfast offre un pacchetto speciale: voi raccogliete agrumi o olive, loro vi offrono pernottamento, prima colazione e aperitivo di benvenuto. Nelle ore libere, poi, potete scoprire il borgo noto come il ‘paese dell’Amore’, chissà, magari in compagnia del vostro uomo, al quale però, toccherà pagare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Viaggi al femminile Argomenti: , , Data: 03-06-2013 08:54 AM


Lascia un Commento

*