SAPER VIVERE

Come proteggere la vista in poche mosse

Recatevi con regolarità a visite di controllo. Mangiate frutta e verdura. E usate le lenti a contatto con moderazione.
Le patologie visive si combattono con la prevenzione.

Le patologie visive si combattono con la prevenzione.

Fattori climatici, scarsa luminosità e troppe ore passate davanti al pc minacciano la nostra vista.
Una ricerca realizzata dall’Istituto YouGov con il contributo del Gruppo Carl Zeiss, ha diffuso i dati di un trend piuttosto preoccupante: ben il 32% degli italiani considera la propria capacità visiva al computer «discreta» o addirittura «meno che soddisfacente».
 Una consapevolezza da cui dovrebbe scaturire la spinta a sottoporsi annualmente a dei controlli della vista. Ma sono ancora troppo poche le persone che decidono di recarsi con regolarità agli esami. La stessa Commissione Difesa Vista ne ha sottolineato l’importanza. Questo il prezioso vademecum da seguire per proteggere gli occhi.
SOTTOPORSI A VISITE SPECIALISTICHE
Recarsi alle visite di controllo è fondamentale. Tra gli esami non deve mancare quello al fondo oculare. Qualora si sia affetti da diabete, da malattie del sistema immunitario, da ipertensione o da altre patologie vascolari è necessario recarsi da un medico oculista di fiducia almeno una volta ogni sei mesi.
TENERE D’OCCHIO I SEGNALI D’ALLARME
Anche il più piccolo indizio può essere sintomo di una patologia: non trascurate mai le alterazioni visive, come i lampi luminosi (fosfeni) o l’annebbiamento. Qualora vi fosse capitato, è bene rivolgersi al medico.
UTILIZZARE OCCHIALI DA SOLE CON FILTRI
Mai fissare il sole. Ricordate di usare occhiali con filtri a norma di legge, soprattutto nelle giornate più assolate e luminose e quando vi recate al mare o in montagna.
METTERE ALLA PROVA LA VISTA
Anche a casa potete testare la vostra capavità visiva: di tanto in tanto provate a leggere e a guardare lontano chiudendo un occhio alla volta. Se notate che con un occhio vedete peggio dell’altro e magari vedete anche le righe storte, recatevi da uno specialista per una visita, sottoponendovi ad un esame del fondo oculare.
MANGIARE FRUTTA E VERDURA FRESCA
Non trascurate l’alimentazione: è importante mangiare quotidianamente frutta e verdura fresca. L’apporto vitaminico gioca un ruolo fondamentale nella prevenzione delle gravi malattie come la degenerazione maculare legata all’età (AMD). Ricordate poi di bere almeno un litro di acqua al giorno per scongiurare la comparsa di corpi mobili vitreali (noti anche come ‘mosche volanti’).
TENERE LONTANO POLVERI E DETERSIVI
Per evitare infiammazioni, arrossamenti e abrasioni della cornea, fate attenzione a cosa entra nei vostri occhi: polveri, trucco e detersivi sono i nemici numeri uno. In caso di contatto con uno di questi agenti, consultate uno specialista ed evitate rimedi fai da te.
USARE LE LENTI A CONTATTO CON MODERAZIONE
Non avere l’oblligo di portare gli occhiali è un conto. Ma abusare delle lenti a contatto è un rischio: ricordate di non portarle per più di 6-8 ore al giorno. Per pulire e disinfettare le lenti utilizzate dei liquidi specifici. E in presenza di arrossamento oculare, dolore e/o secrezione dovete sospenderne l’uso fino a nuova indicazione dello specialista, altrimenti rischiate di andare incontro a serie complicazioni, come le cheratiti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Corpo Argomenti: , , , Data: 03-05-2013 05:01 PM


Lascia un Commento

*