SAPER VIVERE

Perché dormire fa bene (per quattro ragioni)

di Margherita Gamba
Ne beneficiano mente e corpo. La memoria migliora. Il peso è sotto controllo. E lo stress si riduce.
Una sana dormita si ripercuote positivamente sullo stato di salute.

Una sana dormita si ripercuote positivamente sullo stato di salute.

Dormire, dormire, dormire. Altro che pigrizia. Soffocate dagli impegni quotidiani, qualche ora di sonno extra non farebbe male. Anzi. Rimanere nelle braccia di Morfeo un po’ più a lungo porta benefici alla qualità della vita: ne gioverà il cuore, ma anche il peso, la mente e molto altro. «Il riposo veniva spesso, e in modo errato, ignorato», ha sottolineato David Rapoport, medico e direttore del programma relativo ai disordini del sonno alla Nyu. L’esperto ha così  evidenziato diversi effetti positivi osservati dopo una notte di meritato riposo.
LA MEMORIA MIGLIORA
La mente è sorprendentemente impegnata anche quando fate un sonnellino. E durante il sonno potrete fortificare la memoria o esercitare le capacità che avete appreso da svegli. È un processo chiamato ‘consolidamento’. «Se state cercando di imparare qualcosa, che sia fisica o mentale, la pratica vi aiuta. Ma qualcosa accade anche mentre siete a riposo. E vi fa apprendere meglio. In altre parole», sottolinea Rapoport, «se state cercando di imparare qualcosa di nuovo, sarete più inclini a farlo dopo aver dormito».
PROSPETTIVA DI VITA PIÙ LUNGA
Dormire troppo o troppo poco viene associato a una prospettiva di vita più corta. Uno studio del 2010 condotto su donne di età compresa tra i 50 e i 79 anni ha mostrato come i casi di morte aumentassero in soggetti abituati a riposare meno di 5 ore oppure più di 6 ore e mezza a notte.
PESO SOTTO CONTROLLO
Se state pensando perdere qualche chilo, provate anche ad anticipare l’orario in cui solitamente vi infilate sotto le coperte. Un team di ricercatori della University of Chicago ha dimostrato che chi è a dieta e riposa bene perde un quantitativo di grasso maggiore di chi dorme in modo irregolare. «Il metabolismo e il sonno sono controllati dalla stessa area del cervello», ha chiarito Ropoport.
STRESS IN DIMINUZIONE
Quando si tratta di salute, stress e ore di sonno vanno a braccetto, ed entrambi possono coinvolgere il sistema cardiovascolare. «Dormire può sicuramente ridurre i livelli di stress, e in questo modo l’individuo ha sotto controllo la pressione sanguigna e anche il colesterolo, che gioca un ruolo significante nella comparsa di malattie legate al cuore».

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Corpo, Energia, Mente&Psico Argomenti: , , , Data: 24-04-2013 01:38 PM


Lascia un Commento

*