NO AL CAOS

Silenzio, mi sto rilassando

di Antonella Rossi
Con la silence therapy ritrovate equilibrio, lontano dallo stress dei decibel. A casa o in spa.
In silenzio nell'idromassaggio: per rilassarsi e liberare la pelle dalle tossine. (Getty)

In silenzio nell'idromassaggio: per rilassarsi e liberare la pelle dalle tossine. (Getty)

Traffico, cellulari, caos. Viviamo nell’epoca del rumore. «Una tortura mentale», per dirla con Stuart Sim, autore del Manifesto per il silenzio, il libro provocazione del 2007. Sono passati pochi anni e la situazione (purtroppo) non è migliorata. Sappiamo riconoscere i rumori, ma spesso non abbiamo gli strumenti per difenderci. Il frastuono è una forma di inquinamento a tutti gli effetti, tanto che l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha lanciato l’allarme. Nella sola Unione Europea nove cittadini su 10 sono esposti a rumori superiori ai 65 decibel su un  fissato a 55. Un suono a 45 decibel impedisce il sonno. Il rumore del traffico percepito da un marciapiede raggiunge i 70. A 85 si verifica un danno all’udito. A 120 decibel si sente un dolore acuto alle orecchie.
TENSIONE CHE CREA INSONNIA E AUMENTO DI PESO
I rumori che ci circondano mettono dunque in pericolo la nostra salute. Provocano aggressività, ipertensione, stress e disturbi cardiaci, riducono efficienza e concentrazione, stancano mente e corpo. Si crea così uno stato di tensione che, a lungo andare, causa insonnia e aumento di peso. Un articolo pubblicato sulla rivista scientifica Prevention and Research, firmato da Simone De Sio del Dipartimento di Medicina legale, Unità di Medicina del lavoro della Sapienza di Roma, inserisce tra gli effetti extrauditivi più ricorrenti anche un’iperattività a carico della tiroide, la riduzione della libido, della fertilità e la diminuzione dei linfociti, con conseguenze sul sistema immunitario. Non sempre è possibile sottrarsi agli eccessivi stimoli acustici a cui siamo sottoposti quotidianamente. Se mollare tutto è impossibile e qualche giorno di vacanza in un posto lontano è solo una chimera, ci si può concedere qualche ora di silence therapy, per rigenerarsi e tamponare gli effetti dei rumori più fastidiosi.
SENSAZIONE DI CALMA
La silence therapy, letteralmente terapia del silenzio, aiuta a ritrovare il proprio equilibrio fisico e mentale. Il silenzio infatti riduce il ritmo cardiaco e la pressione sanguigna, rallenta la respirazione e stabilizza le onde cerebrali, apportando una sensazione di calma. Praticata fin dall’antichità sotto forma di meditazione, si può fare in un centro benessere specializzato. Ma vanno bene anche soluzioni casalinghe. L’idea era venuta già a Marcel Proust, che aveva foderato le pareti di una stanza con il sughero perché infastidito dai rumori che salivano dalla strada. Niente paura, non è necessario essere così drastici. Scegliete una stanza della vostra casa, più lontana rispetto alle altre da eccessive sollecitazioni acustiche, e arredatela con ciò che più vi piace. Dipingete le pareti con un colore rilassante, perfetti i toni dell’azzurro e del glicine che secondo la cromoterapia distendono la mente e aiutano la meditazione. Se avete un giardino potete allestire qui il vostro angolo relax, purché sia lontano da smog e traffico.
IL POTERE DELL’ACQUA
Un grande aiuto può venire anche dall’acqua, una potenza rigeneratrice naturale. Ottimo l’idromassaggio, che non giova solo alla linea ma riattiva la circolazione di tutto il corpo, libera la pelle dalle tossine e purifica. Se fatto di sera favorisce inoltre il riposo perché scioglie i muscoli e le tensioni accumulate durante la giornata. Al bagno si possono aggiungere essenze naturali che innescano sensazioni di benessere. Perfette verbena e lavanda, ma anche rosa damascena e gelsomino. Versatene 10 gocce nell’acqua calda dopo aver chiuso bene porte e finestre, per evitare che i profumi si disperdano nell’ambiente. Il relax è garantito, almeno per un po’.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Lascia un Commento

*