PRODIGI

Bimbi felici, futuri milionari

di Veronica Mazza
Una ricerca ha dimostrato il nesso tra infanzia serena e appagamento professionale. I consigli dell'esperta.
Molte ricerche dimostrano una correlazione tra una infanzia serena e una vita adulta appagante. (Getty)

Molte ricerche dimostrano una correlazione tra una infanzia serena e una vita adulta appagante. (Getty)

I soldi (magari) non fanno la felicità. Ma vivere un’infanzia serena e piena d’amore può garantire una vita adulta appagante e soddisfacente. Anche dal punto di vista economico. A dirlo è uno studio dell’University College di Londra, che ha scoperto che i bambini sereni sono quelli che guadagneranno di più una volta diventati grandi. La ricerca è stata pubblicata su Proceedings of National Academy of Sciences ed è la prima volta che il legame tra felicità e reddito viene studiato in modo così approfondito.
REDDITO E LIVELLO DI APPAGAMENTO
Sono stati presi in esame 15 mila giovani adulti, valutando il loro livello di soddisfazione, prendendo in considerazione vari aspetti: lo stato di salute, l’istruzione, il quoziente intellettivo, i fattori genetici e il livello di autostima dei partecipanti. È emerso che ogni punto in più su una scala che misura da 1 a 5 il livello di appagamento e realizzazione personale registrato all’età di 22 anni, si può leggere e tradurre in un guadagno di oltre 2 mila dollari all’anno più alto sette anni dopo.
LA FELICITÀ RENDE RICCHI
I risultati dimostrano che il benessere del bambino è la chiave per il suo successo futuro. Come spiega Jan-Emmanuel De Neve, uno degli autori della ricerca: «Questo studio dimostra che esiste la forte probabilità di una causalità inversa tra reddito e felicità». E lancia un appello, anche ai politici: «È importante promuovere un benessere generale, non solo perché la felicità è ciò a cui aspira la maggior parte delle persone, ma anche per il suo impatto economico».
BIMBI INFELICI, ADULTI FRAGILI
Il nesso tra un’infanzia felice e la realizzazione personale in età adulta è nota è conosciuta in tutti i campi della psicologia: «Sperimentare esperienze sfavorevoli infantili crea una sorta di svantaggio di base per l’individuo, che può essere colmato solo accedendo a un percorso terapeutico», spiega a LetteraDonna.it Cecilia Somigli, psicologa e psicoterapeuta dell’età evolutiva. «La ricostruzione di un’identità integra e non frammentata, come accade quando i bambini subiscono traumi, permette all’individuo di percorrere le normali strade del benessere, sviluppando la capacità di affrontare in modo adeguato le asperità che la vita, naturalmente, mette di fronte a ognuno di noi. Un fallimento nelle strategie di fronteggiamento delle difficoltà rende l’individuo più fragile e quindi maggiormente a rischio psicologico. È chiaro che in questo panorama la possibilità di affermarsi nel lavoro appare faticosa. Quindi il nesso tra benessere psicologico e alti guadagni sembra essere legato al fatto che stare bene rende tutto più semplice», afferma l’esperta.
RISPETTO ED EDUCAZIONE CIVICA
Per rendere i bambini “felici e potenziali milionari” ecco qualche consiglio della psicoterapeuta: «Le regole per il benessere psicologico di un figlio non sono molte, ma alcune sono fondamentali. Bisogna rispettarlo e ascoltarlo, considerarlo un essere umano senziente ed intelligente, essere con lui sempre chiari ed onesti. È importante proteggerlo dai pericoli e insegnargli l’educazione civica, base per una buona convivenza sociale e quindi aiuto per lo sviluppo di buone capacità relazionali», conclude Somigli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Lascia un Commento

*