SPORT

Con i guantoni ti diverti e bruci di più

di Giulia Cimpanelli
Pugilato, Kickboxing e Muay Thai. Oggi piacciono soprattutto alle donne.

Oggi gli sport con i guantoni hanno molto successo tra le donne.

Chi l’ha detto che gli sport da combattimento siano solo per uomini. Che sia per il bisogno difendersi (purtroppo bisogna saperlo fare) o per la necessità di praticare uno sport “brucia grassi”,  sta di fatto che le donne con i guantoni sono in aumento. E le varie declinazioni di queste attività sportive impazzano nelle palestre di tutta Italia. Tra le prime appassionate anche molte dive, una fra tutte Nathaly Caldonazzo,  che da anni si tiene in forma con la kickboxing: «Per me è uno sfogo. Una valvola di scarico contro lo stress», risponde a chi le chiede l’origine della sua passione.
LE DISCIPLINE CHE PIACCIONO ALLE DONNE
Pugilato, Kickboxing e Muay Thai: sono queste le principali discipline di combattimento riconosciute anche dalle federazioni sportive del settore. Poi ci sono K1 e Krav Maga, più nuovi e sempre più di moda.
Ma quali sono le differenze? «Nella boxe tradizionale, o pugilato, si possono usare solo pugni, la Kick ammette calci e ginocchiate, quindi si combatte con braccia e gambe. La Muay Thai è più completa, in aggiunta alla Kickboxing prevede l’utilizzo di ginocchia, gomiti e clintch, ovvero la possibilità di afferrare, colpire e proiettare l’avversario», spiega Stefano Andolfi, trainer della palestra Bsa Boxing Team di Pavia.
LA TENDENZA DEL MOMENTO È IL K1
K1, il trend del momento, è un mix tra Kickboxing e Boxe thailandese; è uno sport da combattimento ideato in Giappone da Kazuyoshi Ishii, che abbina le tecniche di calcio tipiche della Kick boxing giapponese (si può colpire con i calci circolari anche alle gambe), il pugilato e permette di utilizzare il ginocchio ma senza afferrare l’ avversario per colpire.
IL KRAV MAGA PERFETTO PER L’AUTODIFESA
Il Krav Maga è invece la quintessenza della tattica per l’autodifesa e il combattimento corpo a corpo, insegna ad affrontare i reali pericoli della strada. Con un’ intelligente ed immediata valutazione della pericolosità dell’aggressione e delle circostanze, si impara a scegliere l’azione più opportuna da utilizzare per salvaguardare la propria incolumità. Insomma, più una tecnica di difesa personale che un vero e proprio sport.
ALLENAMENTO COMPLETO E BRUCIAGRASSI
La maggior parte delle donne che scelgono uno di questi sport lo fanno per dimagrire e tenersi in forma, dicevamo. E fanno bene perché in una seduta di allenamento di un’ora si possono bruciare anche 700 calorie: «Si tratta di discipline ad alto impatto cardiovascolare – continua Andolfi – sport intensi che, se praticati con costanza e abbinati a una buona alimentazione, conducono a un dimagrimento sicuro e a una tonificazione completa».
Ma come funziona un’ora di allenamento? Si inizia con la corsa e il riscaldamento generale di tutti i muscoli del corpo di venti minuti; poi ci si concentra sui  movimenti in posizione di guardia, i colpi, le parate e le schivate. Si continua con esercizi a coppie o singoli su un tema scelto (difesa, resistenza, esplosività) e si conclude l’allenamento con una sessione di addominali. Il trainer ha la funzione di correggere e spiegare i movimenti, aiutare in caso di difficoltà.
COME SCEGLIERE LA DISCIPLINA GIUSTA
Il consiglionumero uno è quello di scegliere una palestra che offra corsi di sport da combattimento con allenatori certificati e non improvvisati. La maggior parte dei frequentatori dei corsi, dopo alcuni mesi, vuole provare l’esperienza del ring: «Vengo solo per tenermi in forma, non combatterò mai, dicono, ma dopo qualche mese tutti si appassionano e ci chiedono di provare qualche scambio”, conclude il trainer.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Corpo, Fitness indoor Argomenti: , , , , Data: 14-12-2012 02:58 PM


Lascia un Commento

*